Gruppi sanguigni del gatto Picture

English Italian Dutch Portuguese Russian

[Tradotto da Sonia Campa, Morgan's Place cattery]

A cura di Tony Batchelor, Snugglebugs, Danimarca.
(Ristampato coi permessi)

Ho iniziato questa ricerca in seguito ad un test sul sangue della nostra cucciola di Devon Rex. Il suo risultò di tipo B, quando entrambi i genitori risultavano del tipo A. Ero già al corrente dell'articolo di Judith Picknell, e della sua traduzione danese, così che ero al corrente dei potenziali problemi relativi a tipi di sangue incompatibili negli accoppiamenti.

Ho allora cercato ed ho trovato vari articoli su Internet, ed ho raccolto tutti i dati a me disponibili in questo documento. Inizialmente ho semplicemente listato le URL ed estratto i dati specificamente riguardo la distribuzione dei gruppi sanguigni. Questi dati sono mostrati in fondo in forma testuale. Ho corretto ogni errore di battitura ovvio.

Sebbene l'importanza dei gruppi sanguigni sia ben nota agli allevatori, la ragione esatta non sembra essere apprezzata. Ovviamente, per trasfusioni di sangue e accoppiamenti corretti è importante, sebbene una non coincidenza sia meno probabile rispetto alla casistica umana, vista anche la variabilità più ristretta di tipi di sangue. Comunque, l'effetto dell'incompatibilità tra madre e cuccioli non è completamente noto. Il rischio per i cuccioli nelle prime ore di vita può, in alcuni casi, essere veramente alto; infatti, in alcune cucciolate la mortalità sarà del 100% se non vengono prese delle precauzioni.

Le ragioni di questi effetti dei gruppi sanguigni nei gatti possono essere riassunte quindi:

  • Immediatamente dopo il parto, le proteine delle cellule del sangue dei cuccioli possono in alcune circostanze reagire agli anticorpi della loro madre, e questo le distruggerà.
  • Le circostanze sono:
    solo se il sangue della madre è di tipo B
    e se il particolare cucciolo ha sangue di tipo A.
  • Un cucciolo di tipo A può solo nascere solo se il padre è di tipo A (o di tipo A portatore del tipo B).
  • I cuccioli ricevono gli anticorpi solo dopo il parto, dal primo latte detto colostro.

Questo problema in alcuni accoppiamenti può influenzare la sopravvivenza dei cuccioli e la formazione della popolazione:

  • In modo sorprendente, nella popolazione felina generale, siccome le gatte B sono soggette a perdere più cuccioli rispetto a quelle di tipo A, la tendenza favorirà il tipo A.
  • Comunque, in popolazione geograficamente vicine, il tipo B può avere la sua ascendenza.
  • Similarmente, in popolazioni selezionate, in particolare quelle in cui gli allevatori possono nutrire i cuccioli tenendoli lontani dalla madre per le prime 16-24 ore, femmine di tipo B hanno la possibilità di trovare più maschi di tipo B.

Queste tendenze sono riflesse nelle statistiche presentate in vari articoli di ricerca e articoli di ricerca di base:

  • In generale, i gatti domestici ("la popolazione generale") hanno il tipo B per il 7-8% nel Regno Unito ma per un 1% negli USA.
  • La percentuale più alta di tipi B in gatti di razza si riscontra nei British e nei Rex.
  • La percentuale dei British è del 40-59% negli USA e del 59% nel Regno Unito.
  • La percentuale di Devon Rex è del 41-45% negli USA e del 54% nel Regno Unito.
  • La percentuale dei Cornish Rex è del 33-40% negli USA e del 20-30% nel Regno Unito.
  • In Turchia, i Van sono per il 60% di tipo B e gli Angora per il 46% di tipo B.

La ragione delle differenze di percentuali nei diversi paesi è probabilmente insignificante sul piano statistico. La significativa differenza per i Rex tra i due paesi è molto interessante. La differenza tra la popolazione generale (gatti domestici) e gatti selezionati (con pedegree) è altamente significativa.

Generalmente, dovrebbe essere chiaro a tutti gli allevatori che la morte di cuccioli a causa di questo problema può, nella maggior parte dei casi, essere evitata tramite un test del sangue prima dell'accoppiamento.

Se volete dare un'occhiata ai dettagli statici, li ho elencati sotto tutte le risorse che sono riuscito a trovare per questo articolo. Alla fine della lista, ho quindi fatto una tabella esemplificativa per comparare i vari risultati. Ogni link è attivo.


Ref. 1
Dal Journal of Veterinari Medicine Series A
http://cat.inist.fr/?aModele=afficheN&cpsidt=15061437

113 Turchi Van e Angora sono stati esaminati per il gruppo sanguigno usando un vetrino ed un'essenza agglutinante. Degli 85 Van esaminati, 40% aveva tipo A, e 60% aveva tipo B. Dei 26 Turchi d'Angora, 53.6% aveva tipo A, e 46.4% aveva B. Nessun gatto di tipo AB è stato trovato in queste razze. Questo si verificava in Turchia.


Ref. 2
Da Judith Picknell
http://www.rhagorol.co.uk/rexcatz/bloodgroups.htm

Lo studio più ampio per datare la distribuzione dei gruppi sanguigni felini tra le diverse razze è stato condotto dal Prof. Giger e dal suo team all'Università della Pennsylvania, USA, mostrando che il 33% dei Cornish e il 45% dei Devon sono di tipo B.


Ref. 3
A cura di Urs Giger e Margret L. Casal
http://www.rapidvet.com/fading.html

Tabella 4: Frequenza dei gruppi A e B e rischi di isoeritrolisi neonatale negli USA

  Frequenza del gruppo (%)   Frequenza allelica(A+B=1)   Proporzione di accoppiamento
Razza Gruppo A Gruppo B A allele B allele A rischio di isoer. neon. (%)
Abissini 86 14 .63 .37 12
Birmani 84 16 .60 .40 13
British shorthair 60 40 .37 .63 24
Burmese 100 0 1.0 .00 0
Cornish Rex 66 34 .42 .58 23
Devon Rex 59 41 .36 .64 24
Himalaiani 93 7 .74 .26 6
Japanese Bobtail 84 16 .60 .40 13
Maine Coon 98 2 .86 .14 2
Norvegesi delle foreste 93 7 .74 .26 6
Persiani 86 14 .63 .37 12
Scottish Fold 82 18 .58 .42 15
Siamese 100 0 1.0 .00 0
Shorthair domestici 99 1 .90 .10 1
Sphinx 82 18 .56 .44 16
Somali 83 17 .59 .41 14
Tonkinese 100 0 1.0 .00 0


Ref. 4
A cura de DMS Laboratories (in associazione con Urs Giger), con base negli USA.
http://www.rapidvet.com/felinepi.html

Razza Frequenza del gruppo B (%) Razza Frequenza del gruppo B (%)
Abissini 14 Japanese Bobtail 16
Birmani 16 Persiani 14
British SH 40 Scottish Fold 18
Cornish Rex 34 Somali 17
Devon Rex 41 Sphynx 19


Ref. 5
A cura della Dott. Diane Addie, basata sul Regno Unito
http://www.dr-addie.com/Blood%20groups.htm#What%20is%20neonatal%20isoerythrolysis?

Razza Gruppo B Gruppo AB Numero totale di gatti
testati dall'autore
Abissini 0%   6
Asiatici 0%   1
Bengal 0% 50% *1 8 *1
Birmani 22%   69
British Shorthair 53% 0% 128
Burmese 0%   16
Chinchilla 0%   1
Cornish Rex 20-30% *2    
Devon Rex 54% 7% 28
Domestic shorthair 8% 2% 48
Domestic longhair 7% *2 14% *1 14 *1
Exotic Shorthair 20-30% *2    
Himalaiani 10-20% *2    
Japanese Bobtail 10-20% *2    
Maine Coon <5% *2   2
Manx 0%   3
Norvegese delle foreste <5% *2    
Ocicat 0% *2    
Oriental shorthair 0% *2    
Persiano 12% *1   17 *1
Scottish Fold 0%   1
Siamese 0%   7
Somali 10-20% 22% *1 9 *1
Sphynx 10-20%   3
Ragdoll 8% 8% 24
Turco Van 0%   1

* Laddove non ho testato alcun gatto della razza, o un altro autore ha testato più gatti, ho usato le loro percentuali: Knottenbelt et al, 19991 e Callan & Giger, 19942.


Ref. 6
A cura di Urs Giger 1991 USA (traduzione mia) su:
http://www.felissana.nl/dutch/text/folders/Folder%20Bloedgroepen%2003-2002.pdf

Razza A B Totale
A + B
Frazione di animali B Frequenza genica stimata di B
Abissini 155 39 194 0.201 0.448
Birmani 178 38 216 0.176 0.419
British Shorthair 35 50 85 0.588 0.767
Devon Rex 57 43 100 0.430 0.656
Himalaiani 28 7 35 0.200 0.447
Persiani 129 41 170 0.241 0.491
Scottish Fold 23 4 27 0.148 0.385
Somali 21 6 7 0.222 0.471
Restanti 33 8 41 0.195 0.442
A puri 205 0 205 0 0
Pedegree totali 864 236 1100 0.215  
Gatti di casa 1069 3 1072 0.003 0.0053
Totali 1933 239 2172 0.110  


Ref. 7
A cura di Knottenbelt et al 1999 UK (traduzione mia) reperibile a:
http://www.felissana.nl/dutch/text/folders/Folder%20Bloedgroepen%2003-2002.pdf

Razza Totale A (n + %) B (n + %) AB (n + %)
British Shorthair 121 48 (39.7) 71 (58.7) 2 (1.6)
Birmani 24 15 (62.5) 7 (29.2) 2 (8.3)
Persiani 17 15 (88.9) 2 (11.8) 0
Burmese 10 9 (90) 1 (10) 0
Somali 9 7 (77.8) 0 2 (22.2)
Bengal 8 4 (50) 0 4 (50)
Ragdoll 7 5 (71.4) 2 (28.6) 0
Siamese 4 4 (100) 0 0
Devon Rex 2 2 (100) 0 0
Abissini 2 1 (100) 0 1 (50)
Chinchilla 1 1 (100) 0 0
Turco Van 1 1 (100) 0 0
Bombay 1 1 (100) 0 0
Totale 207 113 (54.6) 83 (40.1) 11 (5.3)


Razza Totalz A (n + %) B (n + %) AB (n + %)
Short hair 125 110 (88) 10 (8) 5 (4)
Long hair 14 11 (78.6) 1 (7.1) 2 (14.3)
Totale 139 121 (87.1) 11 (7.9) 7 (5)

Le mie tabelle combinate

Di seguito ho indicato solo i risultati per il gruppo B. Ho anche usato i codici EMS per semplicità.

Sotto Razze, il simbolo ¤ mostra le razze non FIFè.

Negli abstract originali, non viene data alcuna indicazione per certe razze così come se varietà Long e Short hair siano o meno incluse.

Sotto le percentuali, gli * indicano risultati statisticamente non significativi.

NOTA che alcuni riferimenti sopra sono abstract diversi per la stessa fonte, ma la comparazione sotto mostra che essi riportano figure differenti - forse gli abstract sono stati messi insieme da/su dati diversi?

Razza Ref. 1 Ref. 2 Ref. 3 Ref. 4 Ref. 5 Ref. 6 Ref. 7
Dati da Turchia USA USA USA UK USA UK
 
ABY     14 14 0 20 0*
ASL/S¤         0    
BEN         0   0
BOM¤             0*
BRI     40 40 53 59 59
BUR     0   0   10
Chinchilla?¤         0*   0*
CRX   33 34 34 20-30    
DRX   45 41 41 54 43 0*
DomesticSH     1   8    
DomesticLH         7    
EXO         20-30    
Himalayan¤     7   10-20 20  
JBT     16 16 10-20    
MAN         0    
MCO     2   <5    
NFO     7   <5    
OCI         0    
ORI         0    
PER     14 14 12 24 12
RAG         8    
SFL/S¤     18 18 0 15  
SBI     16 16 22 18 29
SIA     0   0   0*
SPH     18 19 10-20    
SOM     17 17 10-20 22 0
TON¤     0        
TUA 46            
TUV 60           0*
Altri¤         20    
LH?             7
SH?             8
Totali pedigree         22    
Totali domestici         <1    
Totali         11    

Conclusioni

La mia personale conclusione dai vari documenti riassunti sopra, è che i British, Devon Rex e Cornish Rex (in questo ordine) sono i più a rischio per morti postneonatali a causa di problemi nei gruppi sanguigni. È chiaro, assumendo che gli studi siano localizzati per paesi, che i moderni allevatori importando ed esportando fattrici e stalloni avranno nel prossimo futuro un più pressante bisogno di conoscere il gruppo sanguigno del gatto prima dell'accoppiamento, se il problema delle morti post-neonatali vuole essere minimizzato. Inoltre, la politica europea di ridurre al minimo gli incroci tra razze, è una politica sensibile da questo punto di vista.

Composite © Tony Batchelor 7th December 2003 Odense