Geneticac Picture

English Chinese Spain French Italian Dutch Norwegian Swedish Portuguese Taiwanese

Problemi nella razza

  • Raccogliete tutte le informazioni riguardo la razza! A quale età possono manifestarsi i primi sintomi in un gatto affetto? Come si manifesta? È grave? Esiste una cura?
  • È forse possibile sapere come si eredita? È un gene dominante, un singolo gene recessivo, ereditarietà legata al sesso, poligenia?
  • Esistono modi per testare il gatto per la malattia, allo scopo di avere delle risposte immediate su chi porta il gene/i geni?
  • Realizzate approssimativamente quale percentuale della popolazione ne è affetta!

Se è una malattia grave, che affligge un numero cospicuo di individui nella razza, potrebbe essere utile organizzare uno speciale programma sanitario allo scopo di monitorare il problema. Come organizzare un programma sanitario dipende dal modo in cui si vuole rispondere alle domande sopra menzionate. La parte più importante di tutti i programmi sanitari è la diffusione delle informazioni. Si dovrebbero diffondere informazioni riguardo i sintomi della malattia, lo sviluppo, l'ereditarietà e possibili test disponibili. Questo può esser fatto attraverso riviste specializzate, brochures, siti web, meetings nelle associazioni di razza e seminari. Molto spesso c'è della ritrosia tra gli allevatori quando debbono confrontarsi o anche ammettere l'esistenza di problemi di salute nella razza. Spesso, non è perchè gli allevatori non si curino dei gatti malati ma per paura dell'ignoto e per mancanza di conoscenza. Se non si sa come trattare un problema ci si sente a disagio nel parlarne. Molti sono spaventati dalle reazioni di panico degli altri allevatori, dalla richiesta che l'intera linea di sangue venga sterilizzata qualora si venga a sapere della malattia. Sfortunatamente questa paura non è sempre irrilevante. A causa della mancanza di conoscenza, si verificano incidenti anche quando gli allevatori prendono decisioni drastiche per risolvere in fretta il problema nella razza. È tanto stupido quanto mettere la testa nella sabbia e pretendere che i problemi non esistano. Ci sono solo due tipi di reazioni di panico. E nessuna fa bene ai gatti, naturalmente. Le misure prese devono essere ragionevoli e proporzionali alla difficoltà del problema. In nessun caso si dovrebbe selezionare tanto rigidamente da escludere dall'allevamento più di 1/3 dei gatti nella popolazione a causa di uno stesso problema di salute. Se si prendono misure troppo drastiche l'intera popolazione riproduttiva potrebbe essere troppo piccola e questo potrebbe provocare ulteriori malattie genetiche nella popolazione proprio a causa della riduzione della popolazione. E questo è esattamente quel che volevamo evitare!

Quindi, le fondamenta per un programma sanitario sono informazione, informazione e ancora informazione!

Allora potrebbe essere anche il caso di registrare casi di malattia e possibili risultati di test. Se si decide di farlo, si dovrebbe considerare anche il fatto che il registro è aperto in modo che tutte le persone possano prendere visione dei risultati. Questo è un fattore decisivo affinchè un programma sanitario dia buoni risultati. La mancanza di apertura causerà solo gossip e speculazioni, mentre i fatti mettono a tacere ogni discussione di ogni tipo. E allora tutte le energie potranno essere dedicate a fare qualcosa di utile per risolvere il problema.

Successivo...