Il Maine Coon, gatto originario dello Stato del Maine

[Tradotto da Andrea Amaroli e Deborah Tagliacozzo, Allevamento Firecoon]

Di Beth Kus

Duecento anni fa i gatti Maine Coon erano semplicemente chiamati gatti del Maine. Dove e quando sia stata aggiunta la parola "coon" al loro nome non è certo, ma è sicuramente un'aggiunta avvenuta nel XX secolo.

La prima a descrivere i gatti del Maine fu Mrs. Pierce, un'americana dello stato del Maine, che scrisse il capitolo intitolato The Maine Cat per The Book of the Cat. Questo classico libro sui gatti, pubblicato in Inghilterra nel 1903, fu scritto nella prima versione dall'inglese Frances Simpson. Mrs. Pierce scrisse il capitolo sui gatti del Maine attingendo dalla sua vasta conoscenza ed esperienza, e vi incluse commenti provenienti dalla sua corrispondenza con altri proprietari di gatti del Maine del XIX secolo. La sua descrizione del gatto del Maine è ancora oggi una guida per gli allevatori e per gli amanti di questo felino, e permette una corretta valutazione dell'origine storica dei gatti che oggi conosciamo come Maine Coon.

Secondo quanto scritto da Mrs. Pierce, i gatti del Maine erano numerosi già prima che The Book of the Cat fosse pubblicato. Infatti, erano presenti nel Maine molto prima della Guerra Civile, e addirittura ve n'erano moltissimi in certe aree del Maine già attorno al 1880.

Il primo gatto del Maine di Mrs. Pierce e di suo fratello, posseduto nel 1861, si chiamava Captain Jenks of the Horse Marines. Lei descrive questo gatto come uno di quei gatti a pelo lungo chiamati gatti del Maine… la cui comparsa va ben al di là della memoria degli abitanti più anziani.

Risulta chiaro da questo commento che Mrs. Pierce aveva indagato presso i suoi parenti e amici a proposito dei loro gatti del Maine, e ascoltato racconti di gatti del Maine nella sua infanzia, provando storicamente la presenza di un tipo riconoscibile di gatto, noto come gatto del Maine, ben prima della Guerra Civile del 1861, e pertanto ben prima del suo stesso gatto.

I gatti del Maine alle esposizioni feline - la prevalenza del colore brown tabby

Nel libro, Mrs. Pierce scrive di un conoscente, Mr. Robinson, il cui gatto del Maine Richelieu vinse il premio come migliore della sua categoria in un'esposizione felina tenutasi nel 1884 a Bangor, Maine. Questo fissa la data a cui lei si riferisce nei paragrafi seguenti descrivendo l'abbondanza di gatti del Maine negli anni intorno al 1880.

Nel periodo dell'esposizione del 1884, vicino alla costa del Maine c'erano moltissimi esemplari di gatti a pelo lungo di rara bellezza. Questo prima che ne iniziassero il commercio. Mi ricordo i loro mantelli marrona tigrato (brown tabby). E poi continua: I gatti nel Maine avevano un mantello tigrato davvero bello… È uno dei segreti della natura, come essa continui a produrre ogni tanto, non sempre, questi begli esemplari. E aggiunge: I gatti tigrati erano ben distribuiti lungo la costa e per una certa distanza nell'interno, forse 60 miglia o più; ma non ho mai saputo che fossero presenti nella parte settentrionale dello Stato, che è anche molto meno popolata.

Tali osservazioni danno l'assoluta certezza che questi felini si erano stabiliti nelle aree costiere del Maine nella prima parte del 1800 e che appartenevano a un tipo di gatto riconosciuto anche allora.


&qupt;Native Maine Coon Cat Association Newsletter; # 2, 1998"

Nelle ultime decadi del 1800, i gatti del Maine diventarono numerosi e spesso si guadagnarono riconoscimenti alle esposizioni feline. Il mantello brown tabby, secondo le descrizioni di Mrs. Pierce, probabilmente a quel tempo era predominante nella razza.

Le origini marittime del gatto del Maine

Che i primi antenati del Maine Coon siano arrivati nel Maine via mare era chiaro a Mrs. Pierce. Infatti, ricorda che da ragazzina nel 1869 vide per la prima volta sbirciare dalla sacca di un velaio un paio di cuccioli bianchi (white) con gli occhi azzurri. Mrs. Pierce più tardi possiederà a sua volta uno dei figli di quei gattini bianchi.

Da quel momento comparvero nei posti più impensati dei cuccioli dal pelo lungo e dagli occhi azzurri. Mrs. Pierce dice che il Maine in quel periodo era uno dei maggiori Stati costruttori di navi dell'Unione, i residenti dei paesi e delle città portuali diventavano spesso comandanti dei loro palazzi galleggianti, e portavano le loro famiglie con sé verso paesi stranieri….

Poi spiega che animali domestici di ogni varietà venivano acquistati nei porti stranieri per divertire i bambini a bordo; altrimenti, come in un caso che mi ricordo, i bambini avrebbero fatto un quarantotto. Insomma… i gatti… si sono fatti strada verso quasi tutte le città della costa, molto più nel passato che in questo periodo [prima della stampa, 1903 n.d.r.], da quando le navi a vela hanno smesso di essere creatrici di ricchezza… …quei gatti che possiamo trovare lì ora possono essere semplicemente chiamati autoctoni….

Questo commento mostra che la base genetica del gatto del Maine fu creata dalle famiglie dei marinai, amanti dei gatti, e che cambiò di poco dopo la fine dell'industria marittima.

I Capitani di Marina, allevatori di gatti

Secondo Mrs. Pierce, l'arrivo di un paio di cuccioli bianchi a pelo lungo dati al velaio dal cuoco di bordo fu importante e "memorabile". I testimoni e le osservazioni della sua infanzia registrano e provano l'attenta cura di cui furono oggetto i primi gatti del Maine. In questo modo la razza felina è sopravvissuta a due secoli di storia. Mrs. Pierce nota che quei gattini bianchi crebbero e furono nutriti con molto affetto. Quando i loro proprietari ottennero un maschio perfetto e vollero tenerlo, la coppia originaria venne mandata a un parente, diventando, inconsapevolmente, parte del pool genetico originale dei primi gatti del Maine bianchi. Un'altra fonte di esemplari del Maine bianchi fu identificata da Mrs. Pierce sempre con l'arrivo di gatti via mare. In una lettera a Mrs. Pierce si legge: …Il bisnonno del mio Swampscott, un gatto del Maine bianco, arrivò a Rockport, Maine, dalla Francia, ed era bianco con gli occhi azzurri.

Mrs. Pierce cita altri due capitani, attribuendo così all'influenza marittima ancora più importanza sia nello sviluppo che nella tutela del gatto del Maine. Secondo Mrs. Pierce, nel 1885 il capitano Condon aveva una bella gatta color crema (cream) i cui cuccioli erano noti per mostrare tutti grande struttura ossea e forza muscolare. Invece, il capitano Ryan fu menzionato da Mrs. Pierce per aver avuto contemporaneamente quattro generazioni di gatti neri (black), e perché era molto attento a proposito delle case a cui affidare i suoi cuccioli.

Amavano i loro gatti come bambini scrive del capitano Ryan e della sua famiglia, e per anni cercarono persone affidabili a cui dare i cuccioli.

Per lungo tempo i gatti a pelo lungo sembravano essere confinati soprattutto nelle città e nei paesi costieri; ma a forza di dare la loro prole a sorelle, cugini e zie si diffusero verso l'interno….

I capitani in pensione o ancora in attività amavano vivere nei paesi e nelle piccole città della costa del Maine. Mrs. Pierce riconobbe che senza dubbio il gatto del Maine era il risultato delle cure e degli incroci fatti dalle famiglie dei marinai del Maine. Mrs. Pierce ci spiega che il gatto del Maine si sviluppò innanzitutto nelle aree costiere del Maine, e poi si diffuse nelle fattorie dell'interno solo quando i primi cuccioli vennero dati a parenti e amici.

Persino i colori osservati sono tra gli indizi volti a dimostrare lo sviluppo del gatto del Maine.

Mrs. Pierce descrive chiaramente la prevalenza dei colori che chiama dominanti: I colori dominanti sono quelli forti, il bianco, il nero, il grigio (blue), l'arancio (red) e il crema; anche il tigrato è ben distribuito e diffuso…. I colori rari come il color fumo (smoke) sono presenti solo in un gatto su duecento. I gatti color argento (silver) e color cincillà (chinchilla) non sono comuni.

Ma chi era Mrs. Pierce? Lei si descrive brevemente come una donna molto interessata ai gatti del Maine sin dall'infanzia. Dal momento che ho questa passione sin dalla mia infanzia, quando ancora non era diventata una moda, ho osservato con interesse tutti i nuovi sviluppi. Descrive la sua famiglia come amante dei gatti: Il nostro circolo familiare non era mai completo senza uno o più gatti; non solo a pelo lungo, ma anche altre varietà hanno sempre mantenuto un posto d'onore. Mrs. Pierce introdusse i suoi gatti del Maine nelle esposizioni feline e alcuni di loro vinsero molto e diventarono famosi. Scambiò visite e tenne una corrispondenza con altri proprietari di alcuni degli esemplari più belli di quel periodo. Le accurate descrizioni e valutazioni di vari gatti del Maine evidenziano la sua conoscenza di questa razza. Quando descrive uno dei bei gatti del Maine dal pelo tigrato è molto attenta nei dettagli: Leo, marrone tigrato, nato nel 1884, deceduto nel 1901; … da notare il colore e la lunghezza del muso, la dimensione e la forma degli occhi, la lunghezza dei peli sulle orecchie e sulla testa.

Coloro che analizzano attentamente le intuizioni di Mrs. Pierce concludono subito che il gatto del Maine iniziò a diffondersi all'inizio del 1800 e che nella prima metà del 1800 si ebbe un forte sviluppo della razza. Successivamente, grazie agli incroci si ottennero diversi colori e dimensioni maggiori. Le origini di questa razza risiedono chiaramente nei gatti portati a bordo delle navi, che nelle case delle famiglie dei capitani si riprodussero e si moltiplicarono diffondendosi nelle cittadine costiere. La base genetica del gatto del Maine fu così stabilizzata ed è cambiata poco dalla fine dell'era dell'industria navale.

Le caratteristiche del gatto del Maine, razza dal pelo lungo e dal buon carattere, sono forgiate secondo Mrs. Pierce da clima freddo e inverni lunghi, con aria pulita e ricca di ozono, condizioni fondamentali per sviluppare le loro ottime qualità…. Guardando al futuro, scrive: Con qualche anno di selezione attenta della razza, questi gatti dovrebbero essere in grado di competere con successo nelle esposizioni internazionali.

Il gatto del Maine ora è diventato popolare. Con la popolarità, le notizie sulle sue origini sono diventate confuse e a volte sono state dimenticate. Adesso vengono chiamati Maine Coon e sono riconosciuti internazionalmente come gatti da esposizione e come animali domestici della migliore qualità. Il Maine Coon dei giorni nostri ha un ben distinto e riconoscibile patrimonio genetico e l'origine degli esemplari deve essere sempre riconducibile ai gatti dello Stato del Maine.

Copyright April 18, 1998 Beth E. Kus

All quotations are from:
The Book of the Cat, Simpson, Chapter xxviii, by F. R. Pierce,
Published Cassell and Company Limited 1903